La caratteristica dei giornali del gruppo Netweek è quella di raccontare tutti gli aspetti del territorio ed essere vicino alle sue eccellenze: dell’economia, dell’associazionismo, dello sport…
Anche se i risultati sportivi corrono veloci sul web, noi raccontiamo questo importante mondo, che rappresenta particolarmente cittadini e territorio, con il nostro stile peculiare, quello dell’approfondimento. Perché non ci basta sapere come è finita una partita, ma vogliamo conoscere e far conoscere i protagonisti e le storie di tutte quelle squadre o manifestazioni che fanno battere forte il cuore ai nostri lettori.
Ecco perché tante sono le iniziative editoriali che abbiamo fatto e stiamo realizzando, in collaborazione stretta con le associazioni e le società che si occupano di sport.
Partendo solo dagli ultimi esempi, sabato scorso, 27 ottobre, sono usciti in edicola due interessanti progetti.
Con il Giornale di Cantù viene regalato un inserto speciale tutto dedicato alla famosa squadra di pallacanestro locale, la Red October, che milita nella massima serie nazionale. Un magazine di 36 pagine con il calendario delle partire e le schede su tutto il team per accompagnare i tifosi in questa nuova stagione. E’ già il quarto anno che proponiamo questo tipo di prodotto, accompagnato a fine stagione da un inserto che racconta l’annata appena conclusasi.
Inedita, invece, la collaborazione del Corriere di Novara con la Igor Volley, l’importante squadra di pallavolo femminile della città piemontese. Basti sapere che nella compagine novarese, capitanata da Francesca Piccinini, militano due delle protagoniste azzurre ai recenti mondiali in Giappone, Paola Egonu e Cristina Chirichella, che hanno contribuito alla conquista della medaglia d’argento. Dallo scorso sabato, quindi, il giornale allega gratuitamente in anteprima il match program, un magazine di 16 pagine con tante notizie e curiosità sulla formazione e la stagione in corso, per tutto l’anno in occasione delle partite casalinghe.
Passiamo allo sport più seguito, il calcio. Sulle pagine delle testate Netweek trovano spazio tutte le squadre locali. In alcune occasioni, poi, si possono creare delle collaborazioni più approfondite, come nel caso della Virtus Entella. La squadra di Chiavari, infatti, è già da due anni che viene raccontata su Il Nuovo Levante grazie alla fusione con l’informatore ufficiale della società sportiva, l’Urlo del Comunale. Sta per partire anche il terzo anno di collaborazione, con il nuovo nome “L’Urlo siamo noi”, ma siamo in attesa di sapere le sorti dell’Entella, perché chi segue il calcio sa bene che la formazione di Chiavari è ancora in attesa di sapere se potrà restare in serie B o ripartire in Lega Pro. Il progetto, comunque, ha visto la distribuzione del nostro settimanale ligure allo stadio durante le partite giocate in casa, appunto allo Stadio Comunale. E nelle pagine curate dalla nostra redazione e dalla società sportiva vengono raccontati il campionato e i protagonisti della squadra.
Sempre in ambito calcistico, è recentemente nata una bella collaborazione tra il Villafranca Veronese e la nostra testata veneta Villafrancaweek. Grazie a questa partnership il giornale darà ampia visibilità alla squadra che milita in serie D, in particolare per le partite casalinghe, e la domenica poi verranno distribuite gratuitamente 100 copie del settimanale agli spettatori presenti allo stadio, regalate dalla società sportiva.
Per concludere cambiamo disciplina e in particolare poniamo attenzione alle manifestazioni di caratura internazionale. Le testate Netweek spesso partecipano a eventi sportivi in qualità di media partner. Ultimo caso quello di Chiantisette, che ha collaborato con una delle camminate competitive più importanti del nostro Paese, l’Ecomaratona del Chianti, un evento che richiama runner da tutta Italia e anche dall’estero. La 12esima edizione si è svolta domenica 21 ottobre: quasi 4mila i partecipanti totali, suddivisi nelle diverse gare (13km, mezza maratona, maratona, Nordic Walking, corsa non competitiva e staffetta). Ben 39 le nazionalità rappresentate con un 30% circa di partecipazione straniera (da Belgio e Svezia i gruppi più numerosi, a seguire Stati Uniti, Olanda, Polonia e Giappone). Insomma, una vetrina unica e di grande richiamo anche per il gruppo Netweek.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloPost comment