Su «Il Foglio» di giovedì 5 luglio è stato pubblicato un articolo che mette a confronto stampa nazionale e locale, con l’eloquente titolo «I giornaloni di carta sono in crisi, ma la stampa locale va a gonfie vele». Ovviamente, come primo esempio virtuoso è citato il nostro gruppo Netweek.
Ecco un estratto dell’articolo di Paola Bulbarelli.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, in un’area macro-metropolitana e interconnessa come la nostra i giornali locali hanno la forza di un leone, pronti a mangiarsi i cosiddetti giornaloni – sfogliati, al massimo, al bar per dare una sbirciata veloce alle pagine sportive. Mangiarseli a suon di copie, nella misura delle migliaia di differenza. Non ci si permetta la puzza sotto il naso, quando si parla di quotidiani territoriali, vera e ultima risorsa della carta stampata e non solo…
In Lombardia, e a Milano lo confermano i numeri. Basta guardare Netweek, che si definisce l’interlocutore di riferimento della piccola e micro impresa del Nord Italia. E che nella realtà significa 67 testate locali (32 solo in Lombardia) con quasi 700 mila copie diffuse in 6 regioni e oltre 3 milioni di lettori settimanali; 29 quotidiani online con oltre 12,5 milioni di pagine viste al mese; oltre 600 autori giornalisti che si dedicano quotidianamente alla realizzazione delle versioni cartacee e digitali; una forza vendita di 130 agenti per ricavi pubblicitari che superano i 16 milioni di euro. «Se vogliamo dare una data d’inizio della nostra storia, dovremmo probabilmente scegliere il 7 dicembre 1979: quel giorno debuttava in edicola il Giornale di Merate. Era, infatti, il primo dei settimanali che oggi, insieme agli altri 67, fanno di Netweek il primo circuito di me-dia locali a livello nazionale», dicono al gruppo. Che comprende periodici come Settegiorni di Legnano, di Bollate, di Magenta fino al Giornale di Monza, di Merate, di Olgiate, di Seregno, di Erba. «Gli azionisti nascono tipografi, il gruppo fa capo a Mario Farina, il più grosso stampatore in-dipendente di quotidiani con la Litosud – precisa Alessio Laurenzano, ad e presidente della capogruppo quotata Netweek e ad della DMedia group, la subholding cui fa capo l’attività editoriale – la chiave di volta è sviluppare nuove testate».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloPost comment